Ormai quella per piante e fiori è una passione che sta diventando un meme. Quante volte è capitato anche a voi? Si è tornati a incontrarsi dopo i lockdown anti-pandemia, e non si è potuto fare a meno di domandarlo: Cosa hai imparato a fare in quarantena? Hai panificato? Sei diventato un mago del bricolage? O ti sei dato al giardinaggio?

Come ampiamente documentato dai media, proprio il giardinaggio è diventato il nuovo hobby di una larghissima fetta di italiani, che si sono dedicati alla cura delle piante e, più in generale, alla sistemazione di spazi a esse dedicati, come anti-stress naturale in quei periodi nei quali le restrizioni erano più rigide.

Pollice verde? Si diventa

Non tutti nasciamo giardinieri, attenzione! Alcuni di noi possono contare sul proverbiale pollice verde, ma altri (e sono la maggioranza) hanno improvvisato e nel 2020 si sono buttati su questa passione lasciandosi guidare unicamente dal senso estetico: non un approccio completamente sbagliato, ma questo non può essere l’unico parametro nella scelta delle piante con le quali arredare uno spazio, interno o esterno che esso sia.

Questo sito si propone, allora, proprio di educare chi, per un motivo o per l’altro, non ha avuto risultati felici dalle proprie attività di cura del verde. Convinti come siamo che il pollice verde non sia qualcosa di innato ma che piuttosto vada sviluppato nel corso del tempo proprio come foglie e frutti rigogliosi, il nostro desiderio è che questo portale diventi una risorsa per rispondere a dubbi, risolvere misteri (già, il mondo delle piante ne presenta più d’uno!) e spiegare quali specie siano le più adatte alla coltivazione casalinga.

Tra biologia, chimica e… magia

Il mondo del giardinaggio è affascinante per tanti motivi, primi fra tutti quelli emotivi: crescere e mantenere in vita una cosa viva non smette mai di colpire.

In più, questa passione permette di approfondire su argomenti che molti di noi hanno solo sfiorato durante i propri studi. A partire dalla chimica, intesa come tutte quelle nozioni su terreni e concimi che ci aiutano a curare al meglio le nostre “amiche verdi”. Naturalmente si impara qualcosa di botanica, dalla propagazione a come eseguire le potature o quando rinvasare.

C’è, tuttavia, qualcosa di ineffabile nell’occuparsi delle proprie piante: a volte, nonostante tutte le accortezze, le nozioni apprese e l’esperienza acquisita, una pianta decide di mollarci sul più bello. E, per contro, succede anche che inspiegabilmente si sviluppi rigogliosa anche davanti a imprevisti e incidenti di percorso.

Il bello del giardinaggio sta anche in questo aspetto misterioso e magico che speriamo di riuscire a comunicare anche attraverso la freddezza di uno schermo, condividendo quello che abbiamo noi stessi imparato in tanti anni passati… a sporcarci le mani (figurativamente e materialmente).

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *