Era già in voga nelle case della nobiltà romana di epoca imperiale, ma ha trovato la sua espressione artistica più alta in età vittoriana: parliamo del giardino d’inverno, uno degli spazi più affascinanti delle case, dove la natura diventa spazio abitabile. In questo focus parleremo di come realizzare, anche se non si possiede un’ampia villa, uno spazio per coltivare fiori e piante, creando un’area relax davvero magica.

Materiali e progettazione

Un giardino d’inverno può essere annesso alla casa, oppure costituire una struttura indipendente. Se l’abitazione lo consente, può essere uno splendido modo per ampliare la zona giorno verso il giardino, come naturale prolungamento della sala da pranzo oppure del salotto. Sfruttando l’ampiezza dei terrazzi, è anche possibile pensare ad una piccola serra “abitabile” per un attico.

I materiali più tradizionalmente usati sono il ferro e il legno. Data la presenza cospicua di vetrate, si dovrà garantire un buon isolamento termico e, allo stesso tempo un’ottima ventilazione, per evitare la condensa e il classico “effetto serra”.

Per le strutture più grandi, vengono anche usati infissi e strutture in alluminio, che garantiscono durevolezza, resistenza ai cambiamenti di temperatura e permettono di montare in sicurezza anche vetrate molto ampie. Particolare cura deve essere posta nella scelta del posizionamento: meglio che questa particolare veranda sia orientata verso sud, per permettere di ricevere luce naturale per molte ore al giorno, anche nella stagione fredda.

Come utilizzare il giardino d’inverno

Le destinazioni d’uso del giardino d’inverno sono fondamentalmente due. Può essere infatti concepito come un’area “riscaldata”, oppure come una zona dove la temperatura si aggira sempre intorno ai 12 gradi. Vediamo le differenze.

Nel primo caso, si tratta di un giardino d’inverno dove, oltre alle piante, troverà posto anche un arredo per creare una vera e propria area relax, oppure una zona dove accogliere gli ospiti. Qui, la temperatura deve essere mantenuta intorno ai 22 gradi e l’isolamento termico diventa un fattore di fondamentale importanza. Per l’arredo, meglio orientarsi verso mobili da esterno, con qualche tocco di “calore”, come dei morbidi e colorati tappeti rotondi, cuscini e piantane. Come colori, ci si può ispirare alla natura, arricchendola di tutti i toni del bianco e del legno.

Nel caso si voglia destinare il giardino d’inverno esclusivamente alla coltivazione e cura delle proprie piante, la temperatura interna della struttura potrà essere più fredda, aggirandosi intorno ai 12-14 gradi. Per rendere l’hobby del giardinaggio ancora più soddisfacente, è bene dotare la struttura di tutti gli attrezzi necessari all’irrigazione e potatura delle specie delle quali si desidera prendersi cura.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *